Navigazione veloce

LA RETE CONTRO LA VIOLENZA – Canosa – seconda edizione

RETE_CONTRO_VIOLENZALA RETE CONTRO LA  VIOLENZA  – seconda edizione

La Sede Associata di Canosa dell’IISS “Nicola Garrone”, anche quest’anno ha voluto parlare di donne, di vite difficili e di diritti negati, pertanto nell’ambito del PTOF ha sviluppato il progetto “la rete contro la violenza- 2^ Ediz.” avvalendosi delle collaborazioni esterne del CAV “Riscoprirsi”, della Casa Rifugio “Ricomincio da me”, della Terra del Sole, della Parrocchia di Gesù Giuseppe Maria e dei Santi Francesco e Biagio in Canosa; tutti insieme impegnati nel combattere la violenza a carico delle donne, sensibilizzare ed educare alla cultura del dialogo.

Mercoledì 21 Novembre ore 18.30 a Canosa presso l’Auditorium della Parrocchia Gesù Giuseppe Maria in Via Federico II, gli studenti si sono confrontati con la cittadinanza per dare voce a momenti di riflessione, a forti monologhi, a storie di vita nonchè per esporre rappresentazioni grafiche ispirate liberamente alla donna offesa e maltrattata.

Un video ispirato alle opere d’arte di Max Gasparini ha aperto la serata, condotta dalla giornalista Claudia Vitrani della Terra del Sole; sono intervenute l’Avv.ta Annalisa Iacobone per il CAV “Riscoprirsi”, la Psicologa Faustina Petronella per la  Casa Rifugio “Ricomincio da me”, la Dott.ssa Mariateresa Dell’Erba per la  Onlus A.p.r.o.s., l’Assessore Comunale  alle Politiche Sociali Marcella de Mitri, il Consigliere Regionale Francesco Ventola, Milena Scaringella interprete performer LIS, la referente del progetto Prof.ssa Cristina Saccinto, Don Mario Porro e Don Carmine Catalano.

Un paese civile deve contrastare la violenza di genere in famiglia e sui luoghi di lavoro, in tale direzione un ruolo fondamentale gioca la scuola nell’“educazione sentimentale” delle giovani generazioni e nella diffusione dei “valori della uguaglianza e della legalità”.

L’incontro/evento è stato seguito da studenti e docenti degli  Istituti scolastici della città, famiglie, comunità parrocchiali, un pubblico eterogeneo nella sua composizione e positivamente coinvolto dalle performance dei nostri studenti.

Perché la “VIOLENZA SI COMBATTE ANCHE CON LE PAROLE”….