Navigazione veloce

Scuola e territorio: quando la cultura si trasforma in impegno

La legge 13 luglio 2015, n.107, intitolata “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”, ha inserito la strategia didattica dell’Alternanza Scuola Lavoro nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado, come parte integrante dei percorsi di istruzione.

La normativa lascia libero spazio alla progettazione di attività, chiaramente funzionali al percorso di studi scelto dai ragazzi, che possano ampliare conoscenze, abilità e competenze degli stessi.

In quest’ottica, l’istituto “Nicola Garrone” che comprende al suo interno vari e articolati indirizzi di studio, tra cui l’indirizzo grafico pubblicitario, essendo all’avanguardia rispetto a tale attività, stringe spesso convenzioni ed accordi con il territorio, al fine di strutturare attività di alternanza scuola-lavoro, alternative, stimolanti e interessanti per i propri studenti.

Lo scorso 7 maggio 2017, gli studenti della classe 3C dell’Istituto, svolgendo il percorso di alternanza scuola lavoro per “operatore in comunicazione visiva”, hanno dato seguito, con la partecipazione ad una giornata intensa e motivante sul territorio, alla convenzione triennale precedentemente sottoscritta con l’associazione “Fare Natura Pro Natura”, neonata organizzazione ONLUS riconosciuta dal Ministero dell’ambiente, al fine di consolidare le competenze fotografiche acquisite e, nel contempo, rafforzare il senso di appartenenza al proprio territorio, risorsa imprescindibile per attività alternative di lavoro, nuove ed interessanti.

La giornata ha previsto un’attività di studio nella zona della valle dell’Ofanto, luogo ricco di cultura e mistero, identità forte del nostro territorio, luogo di biodiversità rare e variopinte, crocevia di storia e tradizioni, spesso dimenticato o alterato dall’incuria dell’uomo e del tempo.

Nove studenti, accompagnati dalla voce esperta del presidente dell’associazione, Salvatore Giannino e dall’occhio arguto e attento dell’ingegnere Francesco Ambrosi, esperto in birdwatching e fotografia naturalistica, hanno potuto ammirare e fotografare le bellezze faunistiche e floreali del territorio della Valle dell’Ofanto, acquisendo le basilari tecniche della fotografia di questo genere che prevede una preparazione e una sensibilità non comuni.

Nel pomeriggio l’attività è stata arricchita da una conferenza sul tema, durante la quale, oltre alla premiazione delle foto più belle e significative scattate dai ragazzi durante la passeggiata mattutina, sotto la guida attenta dell’ing. Ambrosi e della sua compagna la biologa Angela Ciocia,  sono intervenuti, il prof. Carlo Tavani dell’Istituto N. Garrone, che ha illustrato la storia, le tradizioni e le curiosità di questo antico e magico fiume, la prof.ssa Maria Lucia Bafunno e il prof. Armando Stellini che hanno illustrato l’attività di alternanza scuola lavoro svolta dall’Istituto Garrone. Successivamente, durante la premiazione, sono intervenuti Maurizio Trolli della pro loco Margherita di Savoia, Antonio Giannino, rappresentante consorzio Torre Pietra di Margherita di Savoia, la  prof.ssa Rita Ceci della Unitre Margherita di Savoia.

Moderatore della serata, l’architetto Valeria Valendino che ha condotto la conferenza con maestria e professionalità.

Infine, gli interventi musicali di Mimmo Dionisio Dipaola, che con la sua chitarra ha raccontato la bellezza di un fiume che ancora oggi continua a farci sognare, hanno concluso degnamente una giornata trascorsa all’insegna della cultura e della natura

L’appuntamento con Fare Natura Pro Natura e con l’istituto Garrone continuerà durante il corso del prossimo anno con altre attività e altri luoghi da scoprire.

 

Proff. Maria Lucia Bafunno e Carlo Maurizio Tavani